Menu Chiudi

FAQ: sostituzione contatori

Perché si sostituiscono i contatori del gas?

In riferimento a quanto previsto dalla Delibera ARG/GAS 631/2013/R/gas dell’autorità di regolazione per energia, reti ed ambiente, ARERA, in Italia, nei prossimi anni, verranno progressivamente sostituiti i contatori del gas con nuovi contatori elettronici. Lo scopo di tale innovazione tecnologica è quello di favorire una maggiore consapevolezza dei consumi da parte degli utenti e contemporaneamente promuovere lo sviluppo di un sistema di mercato del gas naturale avanzato.

La sostituzione del contatore è obbligatoria?

Sì, in quanto l’azienda di distribuzione è proprietaria del contatore ed è obbligata dall’Autorità competente (ARERA). Identica obbligatorietà è avvenuta, in passato, per la sostituzione dei contatori elettrici. Pertanto il utente non può opporsi alla sostituzione del contatore tradizionale con uno di tipo elettronico. L’attività è totalmente gratuita e non comporta adempimenti a carico dell’utente.

Che vantaggi ha la sostituzione del contatore del gas?

Con il contatore elettronico del gas l’utente potrà visualizzare sul display i dati dei propri consumi (data, ora e valore dei consumi), oltre alle informazioni per la verifica del corretto stato di funzionamento dell’apparecchiatura (diagnostica). Inoltre i nuovi contatori consentiranno all’azienda di Distribuzione di raccogliere a distanza i dati sui consumi, che saranno quelli effettivi . La tele lettura consentirà quindi di eliminare il ricorso a stime per la fatturazione dei consumi e la conseguente emissione di bollette di acconto e di conguagli da parte delle società di vendita. La tele lettura non esclude comunque la possibilità per il cliente finale di continuare a comunicare alla propria società di vendita le autoletture.

È necessaria la presenza dell’utente per effettuare la sostituzione del contatore?

Sì. Al fine di sottoscrivere il verbale di intervento ed eseguire le operazioni necessarie per il corretto ripristino dell’erogazione del gas, è necessaria la presenza del cliente finale o di persona da questi delegata ad accedere all’appartamento;

Perché di questo intervento se ne occupa Centria?

La sostituzione dei contatori è un compito che spetta alle società di distribuzione a prescindere dalla società di vendita con la quale si ha un rapporto commerciale per la fornitura del gas. Il contatore infatti è di proprietà delle imprese di distribuzione.

Quando verrà effettuato l’intervento?

L’intervento verrà effettuato seguendo il piano temporale previsto dall’autorità di regolazione per energia, reti ed ambiente, ARERA, con la Deliberazione 631/2013/R/GAS del 27/12/2013. In particolare, i clienti finali interessati dal programma di sostituzioni, saranno preventivamente informati per mezzo di un avviso scritto nel quale saranno specificate le motivazioni della sostituzione e i vantaggi derivanti dall’installazione del nuovo contatore. Successivamente al ricevimento dell’informativa, il Distributore comunicherà ai clienti finali la data e la fascia oraria previste per la sostituzione. con congruo preavviso, per mezzo di volantini o contatto telefonico.

L’operatore che interviene presso il contatore del gas è riconoscibile?

Si, ogni addetto incaricato da Centria per l’installazione del nuovo contatore elettronico del gas è dotato di un apposito tesserino di riconoscimento. A tutela dell’utente finale si invita a diffidare di chi, in occasione del piano di sostituzione dei gruppi di misura gas, volesse proporre nuovi contratti, modifiche contrattuali, interventi tecnici di qualsiasi tipo, o chiedesse denaro per le operazioni di sostituzione del contatore. In caso di dubbi, si invita a chiamare Centria al numero 0574 870681 o le Forze dell’Ordine per segnalare quanto sta accadendo.

Quanto tempo occorre per l’intervento?

La sostituzione del contatore del gas ha una durata limitata che non supera le due ore. Si prega cortesemente l’utente di fare il possibile per facilitare l’accesso al contatore, in modo da semplificare ed accelerare l’attività del personale addetto.

In cosa consiste la sostituzione del contatore del gas?

L’intervento consiste nella rimozione dell’attuale contatore del gas e l’installazione di un nuovo contatore elettronico. L’intervento di sostituzione del contatore richiederà l’interruzione dell’erogazione del gas per il tempo strettamente necessario ad effettuare il lavoro in sicurezza.

Dove verrà installato il nuovo contatore del gas?

Il nuovo contatore elettronico del gas verrà installato esattamente nello stesso posto dove è l’attuale contatore, purché tale collocazione sia permessa dalla normativa e idonea. 
Le collocazioni del contatore non permesse dalla legge sono:

  • nelle camere da letto;
  • nei bagni;
  • in locali sprovvisti di aereazione diretto o indiretta;
  • ad di sopra di apparecchiature che utilizzano fiamme libere;
  • nelle autorimesse;
  • in depositi per combustibili o materiali infiammabili
  • al di sotto di lavandini.
  • in ogni situazione di potenziale pericolo immediato, visibile e riconducibile al contesto in cui si opera.

Nel caso in cui risultasse impossibile procedere alla sostituzione del contatore per collocazione non idonea, l’utente sarà contattato dai tecnici di Centria per modificare lo stato dei luoghi conformemente alle indicazioni di normativa.

L’erogazione del gas viene interrotta durante l’intervento di sostituzione?

Sì, l’esecuzione dell’intervento di sostituzione in sicurezza comporta la temporanea interruzione dell’erogazione del gas. Si specifica che la sospensione dell’erogazione è relativa alla sola utenza interessata dalla sostituzione.

Saranno effettuati dei controlli per verificare lo stato di sicurezza dell’impianto?

Sì, l’incaricato della sostituzione effettuerà una verifica della sussistenza dei requisiti di tenuta dell’impianto interno dell’utente (impianto post-contatore) per accertare le condizioni di sicurezza dell’impianto in riferimento alla presenza o meno di eventuali dispersioni di gas. Qualora si riscontrino anomalie nella tenuta dell’impianto interno, l’operatore incaricato della sostituzione procederà alla chiusura dello stesso per ragioni di sicurezza. L’impianto potrà essere riattivato esclusivamente da un operatore incaricato da Centria, a seguito dell’avvenuto ripristino delle condizioni di sicurezza da parte di un installatore in possesso dei requisiti di legge.

E’ possibile richiedere una verifica metrologica del misuratore di gas sostituito?

Secondo le disposizioni dell’autorità di regolazione per energia, reti ed ambiente, ARERA (deliberazione 569/2019/R/gas), qualora l’utente lo ritenesse opportuno, entro i 15 giorni successivi alla sostituzione, è possibile richiedere tramite la società con cui l’utente ha stipulato il contratto di fornitura del gas, una verifica metrologica (di corretto funzionamento) del nuovo misuratore. L’utente quindi può inviare una richiesta di verifica metrologica del contatore gas esclusivamente contattando il proprio venditore di gas, che provvederà ad inoltrare la richiesta a Centria. La verifica metrologica del misuratore del gas avverrà presso un laboratorio, scelto da Centria, qualificato e certificato per svolgere tale verifica.

La verifica metrologica del misuratore del gas comporta delle spese per l’utente?

A seguito di verifica del misuratore, qualora non si evidenzino errori di misura superiori ai limiti di tolleranza previsti, gli importi per le spese di verifica saranno addebitati all’utente finale. Tali importi sono presenti nel Listino Servizi al PDR consultabile nel sito di Centria al link:http://retigas.consiag.it/Portal/Index.aspx?m=P23G 

Se, invece, la verifica dovesse evidenziare errori di misura superiori ai limiti di tolleranza previsti, all’utente non sarà addebitata alcuna spesa e si procederà alla ricostruzione dei consumi sulla base dell’errore rilevato, come previsto dalla deliberazione dell’autorità di regolazione per energia, reti ed ambiente, ARERA 569/2019/R/gas e s.m.i.

al link:http://retigas.consiag.it/Portal/Index.aspx?m=P23G 

Se, invece, la verifica dovesse evidenziare errori di misura superiori ai limiti di tolleranza previsti, all’utente non sarà addebitata alcuna spesa e si procederà alla ricostruzione dei consumi sulla base dell’errore rilevato, come previsto dalla deliberazione dell’autorità di regolazione per energia, reti ed ambiente, ARERA, 569/2019/R/gas e s.m.i.

Il contatore funziona anche quando il display è spento?

Il contatore elettronico funziona in modalità continua. Il suo display è impostato in modalità di standby e non è possibile visualizzare i dati finché non viene acceso tramite l’apposito pulsante. Tutto ciò allo scopo di ridurre il consumo della batteria che lo alimenta. Dopo l’accensione, una volta trascorsi alcuni secondi, il display torna automaticamente in standby. Al fine di preservare al massimo le batterie, si raccomanda di non accendere il display più di una volta al mese.